particolare tratto dall'opera "Processione delle anime" di Silvia Mei

Tre performance di creazione sonora nella mostra EXMA Exhibiting and Moving Arts “Non puoi uccidere il tempo col cuore”. A cura di Alessandro Milia e Consorzio Camù

Tre appuntamenti di creazione sonora si inseriscono all’interno di una cornice speciale: la mostra Non puoi uccidere il tempo col cuore all’EXMA a Cagliari. Sabato 26 marzo Gian Marco Medda aprirà il ciclo di performance proponendo l’ascolto di una creazione su strumenti a percussione e no input mixer. Emiliano Amadori, sabato 23 aprile, interviene creando un evento sonoro ibrido che ci fa scoprire i suoni del contrabbasso e le sue tecniche estese includendo alcuni pezzi appena scritti da giovani compositori e momenti di improvvisazione istantanea. Sabato 14 maggio, Giacomo Salis alle percussioni chiuderà il ciclo d’incontri diffondendo il suo Solo Performance, una sorta di open space dove le percussioni interagiscono con dispositivi elettronici.

VUOI PARTECIPARE?

ECCO COME FARE!

Dove: EXMA Exhibiting and Moving Arts. Via San Lucifero 71, Cagliari

quando:

  • Prove di contemporaneo I

sabato 26 marzo, ore 18:00. Gian Marco Medda, creazioni originali per percussioni e no input mixer

  • Prove di contemporaneo II

sabato 23 aprile, ore 18:00. Emiliano Amadori, creazioni e improvvisazioni per contrabbasso

  • Prove di contemporaneo III

sabato 14 maggio, ore 18:00. Giacomo Salis, Solo Performance, creazioni originali per percussioni

durata: 45 minuti per appuntamento

quota di partecipazione: 5,00 €

a chi è destinato: tutti

CHI REALIZZA QUESTA ATTIVITÀ?

Alessandro Milia. Ha studiato composizione, musicologia e analisi dei linguaggi musicali, conseguendo nel 2015 il dottorato di ricerca musicale e compositiva. Nel corso della sua carriera ha composto numerosi brani, collaborando con gruppi come il Quartetto Prometeo (Italia), Mdi Ensemble (Italia), Il Suono Giallo Ensemble (Italia), Ukho ensemble (Ucraina) e tante altre realtà nazionali e europee. Dal 2009 si è occupato di pedagogia insegnando in piccoli Conservatori della regione di Parigi e negli Istituti secondari in varie città della Sardegna.

Gian Marco Medda è un percussionista e performer sardo che si dedica prevalentemente al repertorio solistico e cameristico contemporaneo per percussioni, alla musica sperimentale e alla free impro. Si è esibito in numerosi concerti in Italia, Francia, Germania, Svizzera e Paesi Bassi, sia come solista che in formazioni di vario tipo. Ha fatto parte di diversi ensemble, tra cui l’Ensemble Scisma di Cagliari e l’Ensemble Vertigo di Berna, con cui ha inciso il disco “Drownwords”. Nel 2020 è stato selezionato come finalista del concorso musicale Berlin Prize For Young Artists, dove si è esibito a Berlino nel 2021.

Emiliano Amadori ha conseguito la Laurea in Musicologia presso l’Università di Bologna e la Laurea triennale in contrabbasso Jazz presso la scuola civica “Claudio Abbado” di Milano. Si dedica da diversi anni alla musica contemporanea, svolgendo un’intensa attività musicale con concerti e rassegne nazionali e internazionali. Affianca l’attività musicale con quella didattica, insegnando strumento e musica d’insieme presso il Liceo Musicale di Cagliari.

Giacomo Salis è batterista, percussionista e ricercatore timbrico. La sua ricerca focalizza l’attenzione sul suono, silenzio e rumore, attraverso l’utilizzo di tecniche estese e set preparati. Attualmente collabora con il percussionista radicale Paolo Sanna in un progetto di ricerca timbrica e improvvisazione non idiomatica. Ha suonato tra gli altri con John Butcher, Luca Venitucci, Martin Mayes, Dalila Kayros, Marcello Carro, Angelo Contini, Luiz Rocha, Adriano Orrù , Silvia Corda, Stefan Schmidt, Luca Santini, Stanislas Pili, Marco Ferrazza. Ha registrato per le etichette Confront Recordings, Tsss tapes, Plus Timbre, Petroglyph, Gravity’s rainbow Tape, Floating Forest.

Menu